Newsletter

Vuoi essere aggiornato sui nuovi articoli e sulle nostre attività?

Iscriviti alla nostra Newsletter

L'editoriale

barra1

 

C. A. Rinolfi: 

Gilet gialli a Parigi e giovani volti a Milano

 

Green Economy

barra1

 

franca castellini_2F. Castellini Bendoni: 

Un nuovo alfabeto per la scuola

 

Nutrizione e omotossicologia

barra1

 

D. Mainardi: 

Disbiosi intestinale: probiotici e prebiotici

Il contributo di Mondohonline alla Carta di Milano

Il giorno 8 di ottobre nel palazzo dell’Unione Europea in Expo è stato ufficialmente consegnato alla professoressa Claudia Sorlini (Presidente del comitato scientifico delle Università di Milano per EXPO ) il

 Contributo di Mondohonline alla Carta di Milano – Expo 2015.

logo-mondohonline_8

Dalle diversità nascono le strategie per affrontare gli handicap della nutrizione e sviluppare resilienza riducendo l’insicurezza alimentare e le nuove fragilità generate dallo sviluppo economico e sociale. Mondohonline sostiene e promuovere i modi in cui l’agrobiodiversità può essere finanziata ,coltivata e distribuita in termini ecosostenibili, e le innovazioni necessarie per accrescere la resilienza  delle città , delle terre e del corpo umano in un’ottica di Riabilitazione Nutrizionale sviluppata dalla piattaforma collaborativa www.mondohonline.com.

Carlo Alberto Rinolfi ( Presidente dell’Associazione)

Occorre trovare i modi per riconoscere più Valore Economico alle Materie Prime Alimentari attraverso vari tipi di interventi che comprendano i sistemi finanziari e monetari. La necessità di intervenire sulle strutture finanziarie è legata a un futuro costituito da una probabile successione di crisi che genereranno instabilità anche sotto il profilo della sicurezza alimentare e obbligheranno a considerare una soluzione globale a lungo termine. Si porrà il problema di valorizzare la capacità degli stati di produrre e approvvigionarsi di materie prime alimentari come fattore strategico della stabilità monetaria analogamente alle riserve monetarie.” Luciano Segre ( Presidente del Comitato Scientifico )

 AGROBIODIVERSITA’ E RESILIENZA

STRATEGIE PER NUTRIRE IL MONDO E AFFRONTARE GLI HANDICAP DELLA NUTRIZIONE.

1° Finanziare l’Agrobiodiversità: La biodiversità coltivata è un valore per la sicurezza e la sovranità alimentare e sociale degli stati. Le scelte di sviluppo agricolturale diversificato possono essere incentivate dall’evoluzione dei sistemi finanziari internazionali e da sistemi di controllo e d’informazione capaci di incentivare nei mercati i comportamenti più orientati alla sostenibilità di lungo periodo e dall’introduzione di nuovi protocolli d’intesa che rendano operativi i trattati internazionali.

Coltivare l’Agrobiodiversità: La conservazione, la fruizione e la valorizzazione dell’agrobiodiversità richiedono la diffusione di sistemi territoriali capaci di attivare l’innovazione con approccio agro-ecologico a partire dall’esigenza degli agricoltori di disporre di sementi adatte alle caratteristiche pedoclimatiche e ai mercati locali. L’adozione di un sistema condiviso a livello internazionale di rilevazione e monitoraggio dei livelli di agrobiodiversità nazionali e regionali può essere un buon punto di partenza per orientare nuove politiche agroalimentari locali sostenibili.

Distribuire l’Agrobiodiversità: La biodiversità alimentare fornisce una maggiore qualità alla distribuzione organizzata e al dettaglio, così come alle nuove forme di servizio online ed è legata alla capacità di valorizzare le produzioni agroalimentari certificate, industriali e artigianali, di area regionale/nazionale e d’origine controllata e di sviluppare servizi di carattere eco sociale orientati alla salute e al benessere dei cittadini consumatori a partire dalle condizioni di maggiore fragilità.

Assicurare la resilienza delle città: La resilienza delle aree metropolitane è legata alla gestione dei metabolismi urbani, che riguardano la gestione dei rapporti tra energia, acqua, aria e cibo in una prospettiva di lungo periodo in grado di contrastare il cambiamento climatico a partire dalle priorità dell’Agenda dello sviluppo sostenibile 2030 dell’UNDEP.

  Garantire la resilienza della terra: Per garantire diversità, fertilità, resilienza e l’incremento della produttività necessario a nutrire il mondo è essenziale razionalizzare e controllore l’impiego delle risorse. Le tecnologie innovative disponibili, come nel caso dell’agricoltura di precisione, forniscono con l’informatizzazione delle campagne gli strumenti adatti per soddisfare le necessità emergenti.

6° Sviluppare la resilienza del corpo umano: La salute di un’umanità sempre più multietnica e urbanizzata è in grande misura pregiudicata dalle patologie da sviluppo e dalla mancanza di movimento e ipocinesi. Si rende pertanto necessaria una riabilitazione nutrizionale globale che tenendo conto dell’assetto genico delle varie etnie, venga articolata su ricerca, terapie, nuovi percorsi educativi – formativi e informativi, terapie e prodotti innovativi.

 I coordinatori dei gruppi di lavoro :

Battezzati Alberto, Bocchi Stefano, Corsi Pietro Enrico, Ferretto Matilde, Longhi Giuseppe, Silva Francesco , Tusseau Alain.

 

 

 

Commenta

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.