Newsletter

Vuoi essere aggiornato sui nuovi articoli e sulle nostre attività?

Iscriviti alla nostra Newsletter

L'editoriale

barra1

 

C. A. Rinolfi: 

Gilet gialli a Parigi e giovani volti a Milano

 

Green Economy

barra1

 

franca castellini_2F. Castellini Bendoni: 

Un nuovo alfabeto per la scuola

 

Nutrizione e omotossicologia

barra1

 

D. Mainardi: 

Disbiosi intestinale: probiotici e prebiotici

Web poetry lab: La Natura, di Franco Floris

Il cambiamento del clima solleva il tema del rapporto che connette l’uomo alla natura. I poeti  ascoltano più di tutti lo spirito del tempo e per questo abbiamo chiesto a un gruppo di webpoeti amici di Mondohonline di inviarci una loro poesia su questo tema. 

Ecco quella di Franco Floris





             Ci sono simboli
             nel cielo
             figli del respiro 
             dell'universo
             non noi
             noi abbiamo ferito
             violentato la nostra casa
             la natura
           
             ci sono segni
             nelle pietre
             nei boschi
             nei fiumi
             noi 
             abbiamo deriso
             la nostra madre
             ucciso
             i nostri fratelli
           
             ci sono frasi
             nei libri
             che raccontano
             i nostri errori
             le nostre stragi
             le nostre guerre
             ma noi
             non impariamo
             niente.
 

                 

            Franco Floris

           Oristano, 2 marzo 2019.

 

3 commenti per Web poetry lab: la Natura, di Franco Floris

  • Concetta Maglia

    Versi amari.
    Amore comunque, per tutto ciò che di delicato, unico e prezioso madre Natura ci regala. Condanna quasi irrevocabile della colpevole incuria da parte dell’uomo.
    Speranza sottesa, nonostante, di una ammenda ormai urgente, di un repentino cambiamento in nome della salvaguardia del nostro mondo.
    Bella e intensa.

  • Pietro Enrico Corsi

    Benvenuta Web Poetry: bella iniziativa davvero non solo per lo scopo.
    In effetti é bella anche la poesia iniziale pur se con un necessario finale amaro.
    Pietro

  • carlo alberto rinolfi

    sembra quasi che i simboli pensati dalle nostre menti siano già presenti in natura , una natura che come noi respira , ci è di casa e ci parla lasciando segni ovunque nelle vite minerali , in quelle vegetali e delle acque.
    Ma se Natura è pensiero materializzato che ci ospita , natura siamo noi! E ogni ferita che le facciamo la facciamo a noi. Le parole sono intorno a noi e il libri le hanno dette ma sembrano insufficienti per innescare il nostro apprendimento.
    Molto bella e profonda , forse indica l’umano come un prodotto naturale incompleto e per questo capace di fare e farsi molto danno

Commenta

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.