Newsletter

Vuoi essere aggiornato sui nuovi articoli e sulle nostre attività?

Iscriviti alla nostra Newsletter

L'editoriale

barra1

 

C. A. Rinolfi: 

La grande riabilitazione da Covid 19

 

Green Economy

barra1

 

franca castellini_2F. Castellini Bendoni: 

Un nuovo alfabeto per la scuola

 

Nutrizione e omotossicologia

barra1

 

D. Mainardi: 

Disbiosi intestinale: probiotici e prebiotici

Cinque domande aperte sul dopo-Covid 19

– di Piero Bassetti (*)

Volentieri pubblichiamo le riflessioni dell’autore – apparse il 20 marzo scorso sul sito della Fondazione Bassetti – con la sfida a noi tutti di pensare a quale futuro ‘dopo il Covid-19’  e di immaginare le possibili risposte alle cinque domande poste.

Per la prima volta il genere umano, nella sua interezza, fronteggia problemi glocali: un virus pandemico, la sopravvivenza ecologica della terra, convivere con l’intelligenza artificiale, rapportarsi allo spazio infinito del big bang. A cambiare è il ruolo storico di chi abita il pianeta perché esso oggi non si rassegna ad accoglierci: ci presenta il suo modo di fare storia e minaccia di buttarcene fuori. Mai come oggi, di fronte a Covid-19, questa consapevolezza ci interroga. Scriveva Ilaria Capua, un anno fa: «Qui entra in gioco quello che secondo me è il vero tema da affrontare: quello dell’innovazione responsabile nei confronti della salute» (Salute circolare. Una rivoluzione necessaria, Egea 2019).

Viviamo un’epoca di discontinuità – un salto d’epoca – in cui la storia non è più guidata solo dall’innovazione e dalla tecnologia. Ma è legata al potere sull’Oltre. L’innovazione è come lo specchio di Alice nel momento in cui lei vi passa attraverso.

Una situazione che sfugge agli storici, in cui la tentazione è quella di chiedere aiuto a una politica ineffabile di poeti e profeti, abituati a descrivere il potere sugli altri, mentre oggi la sfida sarebbe su noi e sull’Oltre per noi. Ma alla domanda politica sul governo dell’innovazione non possiamo sfuggire.

Partiamo quindi da una drammatica dichiarazione di impotenza. Cerchiamo nuove finalità globali per l’agire umano, cooperazione per sopravvivere alla competizione; vogliamo indirizzare la potenza del sapere per governare l’improbabile, uniti da un’inedita solidarietà. Fondazione Giannino Bassetti rivolge allora, a chiunque intenda raccogliere la sfida, cinque domande aperte:

I.
Il dibattito sull’innovazione tecnoscientifica è vissuto e vive ancora della tensione tra il piano del discorso pubblico (la doxa, cioè «l’opinione») e il piano delle conoscenze incarnate nella prassi. Sul primo si confrontano le opinioni e gli interessi, circola l’informazione veicolata dai media, si organizza la domanda politica. Sul secondo si attestano gli avanzamenti della ricerca, si brevettano le innovazioni, si producono i fatti nei quali siamo costretti a vivere. Gli strumenti della scienza, a cominciare dallo «sguardo molecolare» descritto da Helga Nowotny e Giuseppe Testa in Naked Genes: Reinventing the Human in the Molecular Age, manipolano la vita ai livelli più profondi, spalancando possibilità enormi (le ipotesi di Yuval Noah Harari, un uomo che da Sapiens ambisce a farsi Deus) e depositando altrettanto grandi responsabilità. Quale decision making può comporre il conflitto tra le esigenze della democrazia, che si nutre di doxa, e le esigenze della prassi, che si nutre di competenza, cioè del sapere?

II.
Come in tutte le rivoluzioni moderne, nell’attuale, dettata dalla tecnoscienza, la persona cambia insieme al suo sistema di relazioni. Quale maggiore evidenza che la pandemia? La sfida del virus è un acceleratore e ci accorgiamo della drammatica sfida di dover vivere in un intorno diverso. Al di là della salute e della sopravvivenza (reggeranno i nostri sistemi sanitari? Reagiranno meglio gli approcci comunitaristi o quelli individualisti?) potremo continuare a riferirci agli stessi modelli di organizzazione del lavoro e della produzione (più o meno forzatamente smart)? Modificate le funzioni (esplosione della domanda di rete, differenza tra disporre di infrastruttura digitale e esserne esclusi), dovremo rivisitare il rapporto con la formazione (servono medici, ma servono anche i saperi per condividere i dati globali in un mondo fattosi piccolo)? Basterà… laurearsi in remoto?

III.
L’innovazione è immersa nella potenza, ma orfana di potere; perché esso è la potenza strutturata, legittimata. La potenza senza potere è priva di consapevolezza, quindi irresponsabile. Incontriamo il potere, il modo in cui l’uomo si espande. Ma ora l’uomo non è impegnato nella lotta al contro-potere di altri uomini. In fondo è la prima volta che di fronte al nemico – il virus, e l’estinzione delle specie per effetto dei cambiamenti climatici, l’infinitamente piccolo e l’infinitamente grande – l’umanità si presenta solidale. Come uscire dalla frustrazione dell’impotenza?

IV.
Per effetto dell’innovazione, il bottom-up e la rete seppelliscono le certezze della gerarchia, della democrazia rappresentativa, del centralismo democratico, dell’assolutismo di mercato. Avanza indubbiamente il populismo, eppure sotto sotto si vedono i segni di una rinnovata domanda di spirito cooperativo, sintonizzato con le opportunità del tipo di innovazione che la situazione richiede: lo sharing come forma differente di uso dei beni (a cominciare dai letti della terapia intensiva), nuove piattaforme digitali come strumento per assumere decisioni collettive, la connessione per dotare di più potere chi è – anche geograficamente – alla periferia. Come governarci al tempo delle connessioni reticolari?

V.
Se il virus pandemico accelera il crepuscolo dello stato-nazione, quale identità comunitaria, quale polis, potrà trascenderla? Saranno le grandi civilizzazioni dell’immanentismo o della trascendenza a scrivere il futuro?

 

(*) Presidente di Fondazione Giannino Bassetti e dell’associazione di
istituzioni Globus et Locus.

1 commento per Cinque domande aperte sul dopo-Covid 19

  • Gabriella Campioni

    Sottostante a tutto ciò, o tra le righe, vedo il bisogno di cambiare modo di pensare. Tutto quello che facciamo è il prodotto di una certa mentalità: i disastri che vediamo sul pianeta sono frutto di una certa mentalità che ora si sta dimostrando obsoleta, per non dire di peggio. Quale mentalità ci serve per costruire un mondo nuovo? Non so, non c’è ancora e l’incertezza fa paura. Il nuovo è oscuro per definizione (nel senso che non lo conosciamo) anche quando abbiamo speranze rosee. Ma forse una prima indicazione viene proprio dalla risposta alla pandemia da parte di alcuni: pensare più in termini di “noi” che di “io”; mettere in moto intuizione e inventiva (e innovazione anche sociale) insieme alla razionalità; coltivare relazioni per via telematica magari ancora di più di quanto si facesse prima, quando ci si poteva incontrare… Sembrano piccole cose e quegli “alcuni” sembrano pochi, ma non è vero: è solo che vengono snobbati dai media mainstream e da chi si picca di essere depositario della sola informazione “seria”. Vorrei infine notare che i nostri governanti e decisori si sono formati a una scuola fondata sulla mentalità che ho chiamato obsoleta e allo stesso modo si è formato il sistema. Per loro è difficilissimo pensare in modo diverso, sottraendosi alla forza d’inerzia che è uno dei principi cardine della vita sul Pianeta Terra… a meno che non arrivi una pressione sufficiente dal basso, da noi… L’unica possibilità di cambiamento che vedo è bottom-up, insomma.

Commenta

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.