Newsletter

Vuoi essere aggiornato sui nuovi articoli e sulle nostre attività?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Green Economy

barra1

 

franca castellini_2F. Castellini Bendoni: 

Un nuovo alfabeto per la scuola

 

Nutrizione e omotossicologia

barra1

 

D. Mainardi: 

Acqua minerale: molto più di un semplice dissetante

Monitoraggio Covid-19 - 19 settembre 2020

di Mondohonline

Monitoraggio del tasso di occupazione dei posti letto nei reparti Covid-19 e nelle terapie intensive nelle regioni italiane: aggiornato al 19 settembre 2020.

Reparti Covid

La tabella è filtrabile tramite l’apposito box di ricerca e le sue intestazioni sono ordinabili in senso crescente e decrescente.

RegioneRicoverati con sintomi: massimo numero di pazienti contemporaneamente ricoveratiRicoverati con sintomi al 19 settembre 2020Posti letto totali reparti COVID-19% occupazione attuale posti letto COVID
Abruzzo361487836,1
Basilicata6563111,9
Calabria183277333,7
Campania6223272.82611,6
Emilia-Romagna3.9441743.6814,7
Friuli Venezia Giulia236201.2981,5
Lazio1.4684453.53512,6
Liguria1.1531401.26011,1
Lombardia12.0772716.3694,3
Marche1.001231.0582,2
Molise3551812,8
P.A. Bolzano325153983,8
P.A. Trento360105271,9
Piemonte3.5531402.7665,1
Puglia6482011.93410,4
Sardegna126911.2567,2
Sicilia5681912.2458,5
Toscana1.149882.8723,1
Umbria176276534,1
Valle d'Aosta1316669,1
Veneto1.7181253.2083,9
Italia29.8992.38037.9606,3

 

Terapie intensive

La tabella è filtrabile tramite l’apposito box di ricerca e le sue intestazioni sono ordinabili in senso crescente e decrescente.

RegioneRicoverati in Terapia intensiva: massimo numero di pazienti contemporaneamente ricoveratiRicoverati in Terapia intensiva al 19 settembre 2020Posti letto totali in Terapia intensiva% occupazione attuale posti letto Terapia intensiva
Abruzzo7651722,9
Basilicata191731,4
Calabria2342061,9
Campania181194404,3
Emilia-Romagna375197082,7
Friuli Venezia Giulia6132131,4
Lazio203228082,7
Liguria179163744,3
Lombardia1.381361.2992,8
Marche16922170,9
Molise91342,9
P.A. Bolzano652862,3
P.A. Trento810800,0
Piemonte45368270,7
Puglia159135312,4
Sardegna311815811,4
Sicilia80137301,8
Toscana297215693,7
Umbria4841053,8
Valle d'Aosta270350,0
Veneto356108251,2
Italia4.2732158.4902,5

 


 

A fronte di una crescita costante di nuovi casi di Covid-19, registratasi nelle ultime settimane, desideriamo proporre un monitoraggio puntuale del tasso di occupazione dei posti letto dei reparti deputati alla cura del Covid-19 e delle terapie intensive delle regioni italiane e delle due province autonome di Trento e di Bolzano, tenuto conto che proprio questi sono tra gli “Indicatori di risultato relativi a stabilità di trasmissione e alla tenuta dei servizi sanitari” citati nel Decreto ministeriale del 30 arile 2020

Il Ministero della Salute, nel già citato decreto, per valutare i segnali di sovraccarico dei servizi sanitari, propone, in particolare, due criteri:

  1. I posti letto nelle “aree mediche rilevanti” (Pneumologia, Malattie Infettive e Tropicali e Medicina Generale) occupati oltre il 40%.

  2. I posti letto nelle terapie intensive occupati oltre il 30%.

Il numero dei posti letto dei reparti dedicati ai malati Covid-19 (Pneumologia – area medica cod. 68 – , Malattie Infettive e Tropicali – area medica cod.68 – e Medicina Generale – area medica cod. 26) secondo quanto definito dal Report di Monitoraggio 8 del Ministero della Salute è stato ricavato dal database ISTAT ed è riferito al 2018.

Il numero dei posti letto nelle terapie intensive è stato ottenuto dalla stessa fonte, integrato però da quanto riportato dal Corriere della Sera il 29 aprile 2020 in merito alla realizzazione di ulteriori posti letto di terapia intensiva da parte delle Regioni nella fase più acuta della pandemia.

Non è chiaro se, allo stato, questi posti letto aggiuntivi siano ancora operativi oppure no.

Osservando le tabelle, si rileva che il numero massimo di pazienti ricoverati contemporaneamente nelle terapie intensive di ciascuna regione, riscontrato, almeno per il momento, nel periodo compreso tra il 24 marzo 2020 (Campania) e l’11 aprile (Lazio), ha superato, nel caso della Lombardia e della Provincia Autonoma di Trento, i posti totali disponibili.

Lo stesso è avvenuto nei reparti adesso destinati ai malati Covid-19, la cui disponibilità, nel periodo più critico della pandemia, è stata ampiamente superata in Emilia – Romagna, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta.

 

Commenta

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.