Newsletter

Vuoi essere aggiornato sui nuovi articoli e sulle nostre attività?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Green Economy

barra1

 

franca castellini_2F. Castellini Bendoni: 

Un nuovo alfabeto per la scuola

 

Economia e agricoltura

barra1

 

Segre1

L. Segre:  

Quando mio cugino Primo Levi tornò da Auschwitz

 

Economia dei mercati

barra1

 

F. Silva:  

Emergenza acqua in Lombardia?

 

Sistemi metropolitani

barra1

 

Longhi_3

G. Longhi: 

Una bussola per il Green Deal+Recovery Fund

 

Acqua nostra

ACQUA NOSTRA, di   Aldo Sangalli  

L’incredibile forza di una goccia che si stacca dall’acqua per ritornare nell’acqua.
Meditazioni trascendentali notturne prima di chiudere meglio il rubinetto.

E’ caldo oggi. La tangenziale è un grasso nastro nero e umido, un bubbone di auto e camion prossimo all’esplosione e la percorro quasi esalando l’ultimo respiro a cavallo di un ronzante  motore diesel sfiatato. La mia uscita è Trezzano sul Naviglio – Vecchia Vigevanese. Tre chilometri e sono nella campagna, quella bassa campagna milanese di campi, navigli e fossi, rogge  ed erba e granturco.

Arrivo alla mia destinazione: dieci case, un’abbazia e una parrocchia grande così. La cosa più importante, però, fossi, tanti fossi di irrigazione che scorrono nei campi dietro la chiesa ed  interrotti ogni tanto da quelle piccole chiuse che permettono la fuoriuscita dell’acqua. La mossa è più breve del pensiero: mi siedo sul granito ghiandone di una chiusa proprio sotto un cespuglio di sambuco, tolgo scarpe e calze e lascio che i piedi roventi  cadano nell’acqua freschissima e corrente.

Una frustata percorre la schiena e per qualche secondo  resto immobile ascoltando solamente il gorgoglio dell’acqua sulle caviglie

Le mani sulla pietra sentono un solletico strano e guardando scorgo una lenta lunga fila di formiche che sale dal mignolo e la attraversa tutta scendendo dalla base del pollice. Frinire di cicale per sottofondo. Sono le tre e mezza del pomeriggio. Tremula l’orizzonte delle campagne.

Strana sensazione e in tutto il corpo si diffonde benessere. Frinire e ancora frinire e ancora e ancora e ….ipnotico frinire…

Basta chiudere gli occhi e non sono più corpo o comunque non più solo greve corpo. Piedi, acqua, verde, rintocchi di campana, ore quattro, cielo tra le foglie…Tutto si confonde e si contamina e l’immaginazione cuce e inanella ciò che i  sensi sentono.

Il pensiero più forte in questo momento è quello di essere  in comunione col mondo. Davvero! Sto toccando l’acqua di tutto il mondo con i piedi! Un semplice gesto che vale più di tante parole. Così semplice e così complicato da capire. Sì, perché le cose semplici sono così universali che fatichiamo a capirle. I miei piedi toccano ora quelli di un bambino nel Gange, di un pescatore del Nilo o quelli di un soldato morto e riverso nell’acqua e ancora quelli di un suicida caduto da un qualsiasi ponte.  Sono nelle lacrime e nell’urina del mondo. E così passo attraverso le pale di cento mulini e nelle fogne della più putrida delle città, nella sorgente e nel ghiaccio, nei mari. Mi fiondo attraverso la storia e il tempo fino al centro della terra e rinasco nuvola e crisalide e ricado.

Ritraggo i piedi dal fosso  come la mano da una bolla di sapone, freschi e puliti, quasi candidi ed ho capito.

L’acqua è nostra, di tutti noi perché noi siamo l’acqua.

 

Aldo Sangalli 

2 commenti per Acqua nostra

Commenta

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.