Newsletter

Vuoi essere aggiornato sui nuovi articoli e sulle nostre attività?

Iscriviti alla nostra Newsletter

L'editoriale

barra1

 

C. A. Rinolfi: 

Gilet gialli a Parigi e giovani volti a Milano

 

Green Economy

barra1

 

franca castellini_2F. Castellini Bendoni: 

Un nuovo alfabeto per la scuola

 

Biotecnologia e Nutraceutica

barra1

 

A. Viglia: 

Acqua: questa sconosciuta

 

Nutrizione e omotossicologia

barra1

 

D. Mainardi: 

Disbiosi intestinale: probiotici e prebiotici

Uzbekistan

Profilo nutrizionale

Mondo

Premessa: nel mondo nel 2011 l’apporto energetico medio individuale è stato di 2.870 Kcal di cui 743 provenienti da Grassi, 322 da Proteine e 1.805 da Carboidrati e Alcol.

Grafico grassi proteine carboidrati_2

 

 

 

 

 

 

 

 

Di seguito è proposto il profilo nutrizionale medio del Paese, sintetizzato attraverso un sistema di rating, realizzato secondo il criterio che ai Paesi che maggiormente riflettono la media mondiale per calorie assunte individualmente con la dieta e per la loro ripartizione in termini di grassi, proteine e carboidrati (+ alcol), spetta il punteggio più alto (cinque stelle), mentre ai Paesi che se ne discostano di più, sia in senso positivo che negativo, spetta il punteggio più basso (fino a una stella).

Per saperne di più >>>

Fonte dei dati: FAOSTAT

barra1

 

 

Uzbekistan

Calorie Grassi Proteine Carboidrati e Alcol
**** **** **** *****

 

Tabella di riepilogo del profilo nutrizionale dei Paesi del mondo >>>

 


 

Mondo

Se si considera la scomposizione dell’apporto calorico per alimenti, il dato medio mondiale è così riassumibile:

 

Grano 18,3%
Riso 19,0%
Mais 5,1%
Sorgo 1,1%
Manioca 1,3%
Zucchero e dolcificanti 8,0%
Vegetali 3,2%
Frutta 3,3%
Vino 0,2%
Birra 1,1%
Altre bevande 1,0%
Carne bovina 1,4%
Carne di montone 0,4%
Carne suina 4,2%
Pollame 2,0%
Burro 1,0%
Grassi animali 1,0%
Uova 1,2%
Latte 4,8%
Pesce 1,3%
Altro 21,0%

 

Grafico alimenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nelle tabelle in basso i dati numerici indicano, alimento per alimento, quanto il Paese si allontani dalla media mondiale (resa uguale a 100); sono stati ombreggiati in giallo gli alimenti con consumo significativamente più alto della media.

Fonte dei dati: FAOSTAT

barra1

 

 

Uzbekistan

Grano>> Riso>> Mais>> Sorgo>> Manioca>>
253,6 7,2 24,8 0,0 0,0

 

Vegetali Frutta Vino Birra Altre bevande
169,9 83,0 16,7 45,5 93,1

 

Zucchero e dolcificanti Carne bovina Carne di montone Carne suina Pollame
42,4 417,5 263,6 6,7 8,8

 

Burro Grassi animali Uova Latte Pesce
17,2 113,3 51,4 159,7 2,8

 

Tabelle di riepilogo della composizione calorica per alimenti dei Paesi del mondo >>>

 


 

Sintesi

Profilo leggermente ipocaloricoipolipidico e iperproteico. Molto elevato è il consumo di grano, carne bovina, carne di montone, latte e vegetali.

 


 

Spiegazione dei termini e avvertenze

Per profilo normocalorico s’intende una situazione che rispecchia il dato medio mondiale, quanto ad apporto energetico medio individuale giornaliero.

Questo dato, come già ricordato, è stato, nel 2011, uguale a 2.870 Kcal (Kilocalorie) e si è stabilito come intervallo di “normalità” (o meglio, di allineamento con il dato medio globale) la quota compresa tra 2.726 e 3.013 Kcal.

Pertanto, un Paese dal profilo “normocalorico” è quello in cui il consumo medio calorico individuale giornaliero è compreso tra 2.726 e 3.013 Kcal.

Per profilo ipocalorico s’intende una situazione in cui il consumo medio calorico individuale giornaliero è inferiore a 2.726 Kcal, con diversi livelli di gravità – o significatività – indicati dal rating (da quattro stelle: leggermente ipocalorico fino a una stella: decisamente ipocalorico) o citati nel rapporto sintetico finale.

Per ulteriori approfondimenti >>>

Per profilo ipercalorico s’intende invece una situazione in cui il consumo medio calorico individuale giornaliero è superiore a 3.013 Kcal, anche in questo caso con diversi livelli di gravità  – o significatività – indicati dal rating.

Allo stesso modo per profilo ipolipidico s’intende una situazione in cui l’apporto energetico proveniente dai lipidi (o grassi) è inferiore al dato medio mondiale (25,9% del totale calorico, come già ricordato); in questo caso l’intervallo di “normalità” o di allineamento risulta compreso tra 24,6% e 27,2%.

Pertanto, un Paese dal profilo “ipolipidico” è quello in cui la percentuale di lipidi nell’ambito dell’apporto energetico totale è inferiore al 24,6%, con diversi livelli di gravità – o di significatività – indicati dal rating.

Analogamente, un Paese dal profilo “iperlipidico” è quello in cui la medesima percentuale è superiore al 27,2%, con i diversi livelli di significatività già visti.

Per profilo ipo o iperproteico si intendono situazioni in cui la quota energetica proveniente dalle proteine è inferiore o, rispettivamente, superiore, all’intervallo considerato di riferimento, compreso tra il 10,6% e l’11,8% del totale.

La quota calorica proveniente dai carboidrati (o zuccheri) considerata “normale” o comunque allineata al dato medio mondiale è compresa nell’intervallo 59,8% – 66,0% dell’apporto energetico complessivo.

Gli alimenti presi in considerazione, 20, sono tra i più diffusi a livello mondiale e corrispondono, come illustrato dal secondo grafico a torta, al 79% circa dell’apporto energetico medio individuale.

Per alcuni di questi (grano, riso, mais, sorgo e manioca) è possibile un ulteriore approfondimento in pagine separate; si tenga presente che:

  • Riso = Riso equivalente lavorato
  • Carne di montone = Carne di montone e di capra
  • Grassi animali  = Grassi animali crudi
  • Burro = Burro e Ghee
  • Latte = Latte escluso burro
  • Vegetali = Verdura

I dati, elaborati da Mondohonline, hanno utilizzato come fonte FAOSTAT e, salvo diversamente indicato, sono relativi al 2011.

 


 

Argomenti correlati: