Newsletter

Vuoi essere aggiornato sui nuovi articoli e sulle nostre attività?

Iscriviti alla nostra Newsletter

L'editoriale

barra1

 

C. A. Rinolfi: 

L'amico laico di Dio

 

 

Green Economy

barra1

 

franca castellini_2F. Castellini Bendoni: 

Boxe vs. Parkinson

 

 

Biotecnologia e Nutraceutica

barra1

 

A. Viglia: 

Acqua: questa sconosciuta

 

Nutrizione e omotossicologia

barra1

 

D. Mainardi: 

Parkinson: l'importanza della dieta

Il terzo mondo

“Abbondanza Alimentare naturale o acquisita”

Profilo sintetico

Al terzo mondo appartengono 16 Paesi, distribuiti in ogni continente, ad eccezione dell’Europa; alta è la componente di Stati insulari.
Più alto rispetto al dato globale è l’apporto medio calorico giornaliero.
Grano, riso e zucchero sono, nell’ordine, gli alimenti che contribuiscono maggiormente all’apporto calorico complessivo; il consumo dello zucchero è decisamente più elevato rispetto al dato medio globale, così come quello della carne di pollame e del pesce, quasi doppio rispetto alla media degli altri mondi.
Gli indicatori socio economici (in particolare PIL e livello di urbanizzazione) per il sottogruppo di  Paesi con grandi risorse petrolifere (Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Brunei) presentano valori molto alti, inferiori solo al quinto mondo. Per  tutti i Paesi di questo mondo l’ alimentazione è molto ricca nonostante che   per i più ricchi l’agricoltura locale sia poco  rilevante. L’abbondanza alimentare vale dunque anche per i Paesi che hanno carattere insulare e sono caratterizzati da : un reddito pro capite medio inferiore alla media ; agricolture favorite dal clima ; intense attività turistiche  di livello internazionale e biodiversità naturali  elevate .  Per questo sottogruppo di “isole felici”  va segnalata anche la densità di popolazione che raggiunge i livelli più alti in assoluto.
Tra gli indicatori sanitari da rilevare la diffusa prevalenza  di obesità (soprattutto nelle isole Samoa) e di iperglicemia.
Significativo, e in contrasto con gli elevati livelli di biodiversità dei paesi insulari, è poi il dato relativo alle emissioni di Co2, il cui indicatore assume in questo mondo i valori più alti in assoluto per la presenza dei paesi “petroliferi”.
Infine, sebbene gli scarti alimentari in fase di raccolta, stoccaggio e trasporto siano inferiori al dato medio complessivo, pesando per il 6,8% circa rispetto al totale della fornitura alimentare, la Guyana, in cui l’indicatore assume l’elevatissimo valore del 42,5%, è lo Stato con la maggiore percentuale di scarti alimentari tra tutti i Paesi dei mondi.

Nutrizione nei Paesi del mondo

Il quadrante di controllo del profilo alimentare: video

 Mondo3_grafico-alimenti1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il quadrante di controllo del profilo socio economico ambientale

mondo3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PaeseIndice di Biodiversità AgroalimentareIndice di Biodiversità AlimentareIndice di Biodiversità Generale (GEF)Articoli,,,,,,,,,,
Arabia Saudita28,2571,3503,21
Bahamas14,1884,9603,56
Barbados28,3275,8600,37
Brunei23,6571,6600,13
Costa Rica34,6973,7709,72
Emirati Arabi Uniti25,3171,9100,21
Fiji30,1571,6403,86
Giamaica45,5769,7904,43
Guyana37,3171,0602,95
Kuwait27,0466,4600,13
Malaysia28,0673,6813,86
Maldive21,7174,0801,39
Mauritius29,7677,8503,28
Samoa15,2856,8001,63
Suriname26,9761,0702,68
Trinidad e Tobago33,9172,5502,241